Siamo vicini alla dead line, il prossimo 18 Maggio 2020 riapriranno i Centri Estetici, le Spa, e i parrucchieri.

L’attesa è quasi terminata, e il web è pieno di vip e persone non vip che sfoggiano le loro chiome lunghe, con ricrescita, barbe incolte, capelli al vento, pieghe da sistemare.

E anche i social traboccano di persone che hanno bisogno di risolvere e recuperare la situazione peli superflui, veramente degenerata con la storia del lockdown, smart working e impossibilità di effettuare spostamenti. Nonché dei centri estetici chiusi!

Sicuramente l’epilazione sarà insieme alla lampada abbronzante uno dei servizi maggiormente richiesti dalle clienti dei beauty center alla riapertura, e sicuramente i centri estetici dovranno farsi trovare pronti.

Ma quali sono le tecniche proposte per i servizi di depilazione?

Da sempre ci sono due settori distinti, i trattamenti manuali, naturali, e l’epilazione con tecnologia, che offre un altro bouquet di possibilità delle clienti appassionate di pelle liscia senza peli.

Anche l’uomo non è da meno, spesso i servizi di epilazione sono molto richiesti anche dalla parte maschile: torace, ascelle, schiena, per poi poter sfoggiare un bel fisico quando vanno in palestra o sulle spiagge. Per non parlare dei ciclisti, che fanno uso della depilazione delle gambe per una questione prettamente funzionale alla passione per le due ruote.

Tra i trattamenti più gettonati di tipo classico abbiamo la sempreverde ceretta: mai rinunciarci, anche con tutti gli effetti collaterali che porta, ma per un risultato ottimale ci si può sacrificare.

Un’altra tecnica di depilazione che si basa sul mix tra miele e zucchero è lo sugaring, molto amato da diversi trend di centri estetici e che produce risultati buoni.

Oltre al fai da te(rasoio, strisce depilatorie, crema, e silk epil…) anche le tecnologie non mancano.

Si va dalla retrò elettrodepilazione, usata soprattutto per i peli bianchi, dove la luce pulsata e il laser non fanno sempre il loro dovere, fino ad arrivare all’epilazione con luce pulsata, regina dei centri estetici per molti anni. L’ultima frontiera già da un po si chiama Epilazione laser a Diodo, sia per la durata permanente del tipo di epilazione, che per i fastidi minori e la migliore efficacia in fatto di interventi mirati al bulbo pilifero.

E, se da una parte è un vantaggio e una richiesta molto gettonata da parte delle clienti, dall’altra i macchinari laser a diodo sono veramente una gallina dalle uova d’oro per i centri che ne sono dotati.

In alcuni casi si arriva anche a 10 mila euro di fatturato solo con epilazione laser a diodo al mese…

Ma quanto costa il macchinario per epilazione laser a diodo 808 per un centro estetico che lo vuole nel suo salone?

Il prezzo del macchinario potrebbe spaventare i più, infatti si aggira intorno ai 10/15 mila euro per un macchinario nuovo.

Di contro però, ci sono diverse forme vantaggiose di acquisto con riscatto, con una formula di leasing con riscatto all’ultima rata, come nel caso di acquisto di autovetture, che possono permettere a qualsiasi centro estetico di avere in casa un epilatore laser diodo professionale con 13 euro al giorno o poco più. Il vantaggio è fatturare mentre si ripaga il macchinario, permettendo al salone di bellezza ad esempio dopo il periodo di canoni a noleggio, di poter riscattare la macchina alla fine del periodo. Quindi ci si può dotare di una tecnologia di ultima generazione, di un macchinario nuovo, e pagarlo mentre si effettuano le sedute, evitando i noleggi settimanali capestro, in cui l’azienda noleggiante spesso trattiene il 50% dell’incasso come titolo di canone di affitto. E, infine si può evitare di prendere un vero e proprio finanziamento per l’acquisto, nonché evitare di esborsare tutta la cifra per un macchinario nuovo di zecca.

Il noleggio con riscatto del laser diodo permette inoltre anche di ovviare all’acquisto di un macchinario usato, che ha lo svantaggio di non sapere mai quante ore ha lavorato prima di noi.

Quindi, con questo nuovo restart del settore estetico, e l’elevata richiesta di epilazione laser a diodo che ci sarà, i centri estetici devono farsi trovare pronti, e quindi c’è necessità di avere un macchinario di epilazione laser nel proprio salone di bellezza. Anche alla luce delle nuove regole di distanziamento sociale ferree a cui saranno sottoposti i beauty center.

E tu, ha già un macchinario di epilazione laser a diodo nel tuo centro? Hai già pensato eventualmente di rottamare la tua luce pulsata? Che aspetti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *