Ecco tutte le informazioni di cui hai bisogno sull’uso dell’Ascorbato di Potassio per bambini e donne in gravidanza.

Soprattutto in tempi recenti è aumentato l’interesse per l’uso di questo sale che deriva dalla vitamina C, straordinario nel combattere il cancro e contro alcune patologie degenerative, oltre che nei momenti di maggior stress psico-fisico.

Infatti, tra le sue virtù, eccelle la capacità di riequilibrare il metabolismo cellulare che risente di notevoli alterazioni nel caso di malattie degenerative.

Ad ogni modo, molti si chiedono se esistano delle reali controindicazioni nell’assumerlo, soprattutto nel caso di bambini e donne in gravidanza. Cerchiamo quindi di conoscerne proprietà ed eventuali controindicazioni.

 

Ascorbato di potassio proprietà e controindicazioni

Indichiamo alcune delle proprietà riconosciute:

  • potenziamento difese immunitarie;
  • regolazione della pressione alta;
  • prevenzione malattie degenerative;
  • migliori prestazioni e performance sportive;
  • aiuto nell’affrontare momenti di stress psico-fisico;
  • proprietà antiossidanti;
  • regolazione della pressione alta;
  • regolarizzazione dell’attività cardiaca;
  • agevolazione dell’assorbimento del ferro.

Controindicazioni? Non ne risultano di particolari quando viene assunto nelle corrette quantità. Uno dei pochi effetti collaterali, anche se alcuni preferiscono non identificarlo come tale, l’aumento della fertilità nella donna, dato che influisce sull’equilibrio ormonale.

Viene anche utilizzato da chi ha il diabete, sempre nelle giuste quantità e sotto controllo del medico per verificare i livelli di insulina.

 

 

Ascorbato di potassio in gravidanza

Ancora di più quando è in gravidanza, una donna ha assolutamente bisogno di dare al proprio organismo tutte le sostanze nutritive utili per la sua salute e quella del bambino. Spesso, con la sola alimentazione non si riesce a soddisfare completamente questo fabbisogno. Ecco perché in accordo con il medico curante, spesso inizia ad assumere integratori di acido folico, ferro e altri integratori multivitaminici.

Ma che dire dell’Ascorbato di potassio in gravidanza? Sarebbe ottimo per una donna incinta poter usufruire delle sue numerose proprietà, come rafforzare le difese immunitarie, migliorare l’assorbimento del ferro e ottenere maggiore energia. Ma ci sono delle controindicazioni? Come già indicato, qualsiasi tipo di integratore in gravidanza va assunto sotto indicazione del medico e del ginecologo. Una buona notizia è che questo sale viene utilizzato anche in gravidanza, anche se senza ribosio, in dosi ridotte.

Ascorbato di potassio bambini

Questo agente antiossidante viene già da tempo utilizzato dai bambini. Viene somministrato a livello preventivo, quindi sia come anti-stress che per rafforzare le difese immunitarie o migliorare le prestazione atletiche dei bambini che praticano sport. Ma viene utilizzato anche in caso di patologie degenerative, sfruttandone le virtù antiossidanti.

Anche in questo caso, per quanto riguarda il dosaggio, è consigliato parlare con un medico, dato che potrebbe dipendere dallo specifico stato di salute del bambino e dalla sua età.

Sono stati anche eseguiti dei test su bambini con malattie rare e i risultati sono stati ottimali. Tra questi un miglioramento dell’attività cardiaca, di pelle, cute, capelli e regolazione del peso.

 

In conclusione, l’Ascorbato di potassio per bambini e donne in gravidanza non possiede particolari controindicazioni se assunto nelle giuste dosi e sotto controllo costante dei parametri chimici da parte del medico curante.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *