La Bava di Lumaca pura viene estratta naturalmente da allevamenti di chiocciole selezionate, la cui maggiore rappresentante per la qualità della bava estratta è la Helix aspersa Müller, e nei migliori allevamenti le lumache vengono nutrite con ortaggi biologici selezionati, e non maltrattate per produrre il siero estratto.

Per mantenere il massimo di qualità nell’estrazione della bava di lumaca si effettua un recupero manuale delle scie rilasciate dalle chiocciole, senza usare macchinari o sostanze saline per stimolare l’animale.

In genere le lumache vengono poste in contenitori dove si spostano naturalmente e poi spostate in altri contenitori, per poi essere fatte riposare di nuovo in allevamento, nutrite e lasciate libere per il resto della giornata, senza stress o forzature.

Questi metodi di estrazione naturale permettono di ottenere una bava di lumaca perfetta e pura per l’applicazione in campo cosmetico e bellezza.

Alla fine della raccolta, la bava viene filtrata e microfiltrata per ottenere il massimo della purezza ed eliminare le impurità.

Bava di Lumaca, campi di appilcazione

L’utilità d’uso e i campi di applicazione sono diversi e molto vasti.

La bava di lumaca contiene numerose sostanze sinergiche nel trattamento di inestetismi della pelle: peptidi, mucopolisaccaridi, acido glicolico, collagene elastina e vitamine.

In campo estetico viene utilizzata nella produzione di cosmetici naturali specifici contro arrossamenti della pelle, acne, pelle grassa, smagliature, rughe.

La combinazione degli elementi vitaminici indicati sopra ne fa un esfoliante naturale, astringente, purificante, lenitivo ed altamente nutritivo per gli strati dell’epidermide, praticamente senza alcun effetto collaterale.

Viene utilizzata anche nella riduzione naturale delle cicatrici, e contrasta le macche della pelle che si formano a causa di errata esposizione solare.

La bava di lumaca è infatti anche un buon rimedio contro le smagliature perché contiene acido glicolico che è un esfoliante, e proteine e vitamine che sono rigeneranti.

Il siero estratto dalla scia delle lumache già dai tempi di Ippocrate oltre duemila anni fa veniva usato per rinforzare anche i capelli.

Viene consigliato infatti anche sulle nostre chiome, per renderle più robuste ed evitare che il capello si spezzi a causa dell’uso con piastre, ferri e accessori per capelli ed alte temperature.

Sciroppo alla bava di lumaca

Con il siero prodotto dalla lumaca, si produce anche uno sciroppo naturale per combattere la tosse grassa.

Si tratta di un integratore alimentare utilizzato come coadiuvante ai farmaci tradizionali, favorendo la fluidificazione del muco dai bronchi e l’espulsione naturale.

Viene somministrato sia ai bambini che agli adulti, e favorisce il benessere delle vie aeree in caso di stati influenzali e infiammazione dei bronchi, e anche di problemi derivanti dalla pertosse in età scolare.

Il suo uso in ambito di problemi respiratori è diffuso a partire dal diciottesimo secolo, ma dalla metà del diciannovesimo ed infine nel XX secolo è diventato un prodotto d’uso comune.

Per la produzione di integratori e sciroppi per la tosse viene usata anche la bava estratta dalla Helix Pomatia, la nota chiocciola Borgognona o Vignaiola.

I prodotti maggiormente diffusi in campo cosmetico a base di bava di lumaca sono il Siero concentrato e le creme per la pelle. E’ possibile trovare entrambi da BioSnailDerm.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *