Il cannabidiolo, meglio conosciuto come CBD, è un principio attivo buono della canapa sativa, che viene usato e applicato in molti campi di cura di patologie dolorose, infiammatorie e disturbi di tipo psicotico.

Il CBD non ha effetti psicoattivi, quindi rispetto al suo alter ego THC è il fratello buono, quello che contrasta anche gli effetti psicotropi del THC stesso. Quindi l’uso del CBD non deve essere associato ad evasioni o scopo ricreativo.

Viene usato costantemente da chi soffre di tremori e battiti accelerati, e viene associato anche al trattamento di disturbi bipolari e sindromi come la schizofrenia, e altri come disturbo ossessivo compulsivo e post traumatico da stress.

E’ un noto antidolorifico e antiinfiammatorio naturale.

Questo lo pone in una buona posizione di aiuto per chi soffre di patologie dolorose croniche, che spesso si alimentano con i farmaci antidolorifici stessi, e immunizzano il dolore senza portare effetti benefici.

Il Cannabidiolo è un ottimo analgesico naturale, riduce le infiammazioni e agisce sui recettori del dolore e dell’infiammazione con effetti buoni sul sistema neurologico.

Viene da tempo usato come anticonvulsioni, abbassando la soglia di manifestazione di fenomeni di attacchi epilettici e crisi convulsive.

Non vogliamo dare adito a falsi miti: è studiato però che il CBD tende a ridurre le masse cancerose e sicuramente a contrastare gli effetti dannosi delle chemioterapie, riducendo nausea e vomito.

Si conosce l’utilità del CBD anche nel campo della lotta all’acne. Risulta infatti attivo sulle ghiandole sebacee, riducendo la proliferazione delle cellule grasse e funzionando come antibatterico.

E’ molto diffuso dalla deliberazione della legge 242/2016 in quanto da quel momento c’è stato un proliferare di shop e punti vendita che propongono prodotti derivati della canapa sativa, tra cui l’olio di cbd.

Il cannabidiolo dunque risulta un elemento molto importante per chi lotta quotidianamente con sindromi dolorose e infiammatorie croniche, alleviando la vita di chi è colpito da queste patologie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *