Potresti aver sentito parlare del gene 5,10-metilenetetraidrofolato reduttasi, o MTHFR in breve. Sono stati pubblicati migliaia di studi che collegano varianti genetiche, o mutazioni in questo gene, a centinaia di condizioni mediche. Queste condizioni mediche includono malattie cardiovascolari, problemi di coagulazione del sangue, disturbi psichiatrici, disturbi dello sviluppo, complicazioni della gravidanza e cancro.

La scienza dietro MTHFR: cos’è questo gene e cosa codifica

MTHFR è il gene che codifica per l’enzima 5,10-metilenetetraidrofolato reduttasi. Gli enzimi sono proteine ​​che accelerano le reazioni chimiche nel corpo. L’enzima MTHFR aiuta a convertire una forma di folato (5,10-metilenetetraidrofolato) in una forma diversa di folato (5-metiltetraidrofolato), l’ultima delle quali è la forma biologicamente attiva primaria di folato. Svolge un ruolo nella sintesi degli elementi costitutivi delle proteine, altrimenti note come amminoacidi.

In particolare, questa forma di folato aiuta a convertire l’omocisteina in metionina. Ha anche ruoli nella risposta al danno al DNA e nella funzione del sistema nervoso.

Varianti comuni in MTHFR

Esistono alcune varianti del gene MTHFR comuni, frutto di mutazioni genomiche, che possono ridurre l’attività dell’enzima. Infatti, il 40% degli individui nella popolazione generale ha una di queste due varianti mutate comuni, C677T e A1298C. La variante C677T determina specificamente una riduzione del 30-70% dell’attività enzimatica, probabilmente dovuta al fatto che il cambiamento dell’amminoacido da alanina a valina rende l’enzima complessivo più sensibile al calore. Al contrario, A1298C si traduce in una minore riduzione dell’attività enzimatica attraverso un meccanismo sconosciuto.

È importante notare che non tutte le varianti genetiche comuni causano malattie, specialmente se sono incredibilmente comuni nella popolazione umana. Sebbene le singole varianti C677T e A1298C riducano l’attività enzimatica, generalmente non causano problemi di salute. La maggior parte delle persone non ha problemi di salute (cioè converte perfettamente l’omocisteina in metionina) anche se MTHFR non funziona in modo ottimale. In effetti, la maggior parte degli individui che hanno una singola variante sembrano avere livelli di omocisteina normali o non elevati.

In alcuni casi, tuttavia, l’attività MTHFR potrebbe essere diminuita a livelli molto bassi, più probabilmente in individui con due copie della variante C677T del gene MTHFR. Ciò può provocare livelli elevati di omocisteina. I suoi livelli elevati nel sangue, condizione altrimenti nota come omocistinuria, se non trattata, può provocare una coagulazione del sangue anormale, ossa fragili e miopia e un aumento del rischio di avere un bambino con un difetto del tubo neurale (spina bifida).

Come si effettua il test di verifica di una potenziale mutazione di MTHFR

Cosa viene analizzato? Il test MTHFR rileva una sequenza di DNA relativamente comune e variabile (polimorfismo a singolo nucleotide, SNP) all’interno del gene MTHFR, C677T. Questo SNP causa cambiamenti (o mutazioni) del DNA ed è associato ad un aumento delle concentrazioni di omocisteina nel sangue, che – come abbiamo già visto – può aumentare il rischio di malattie cardiovascolari premature, trombosi e ictus. Circa il 10% della popolazione italiana è omozigote per C677T. La prevalenza è più alta nella popolazione mediterranea e più bassa nelle popolazioni africane e asiatiche (indiane).

Come viene raccolto il campione? Il campione di sangue viene prelevato mediante puntura venosa nella piega del gomito.

Ci sono precauzioni speciali da prendere per garantire la qualità del campione? Non è necessario prendere precauzioni speciali, poiché risulta essere una classica analisi del sangue.

Possibili segni e sintomi di mutazione di MTHFR

I sintomi variano sia da individuo a individuo che a seconda del tipo di mutazione. Le persone di solito non sanno di avere una mutazione MTHFR a meno che non manifestino sintomi gravi o non siano sottoposte a test genetici.

Alti livelli di omocisteina possono danneggiare i vasi sanguigni e portare a coaguli di sangue. Le persone che hanno alti livelli di omocisteina tendono ad avere bassi livelli di vitamina B-12.

I sintomi dell’omocistinemia dovuta alle mutazioni di MTHFR includono:

  • Coagulazione del sangue anormale;
  • Ritardi nello sviluppo;
  • Convulsioni;
  • Microcefalia;
  • Scarso coordinamento;
  • Intorpidimento o formicolio alle mani e ai piedi.

Diagnosi

Un medico può determinare se una persona ha una variante MTHFR rivedendo la sua storia medica, considerando i sintomi attuali ed eseguendo un esame fisico. Un medico può raccomandare di eseguire un esame del sangue per controllare i livelli di omocisteina di una persona.

Sebbene sia possibile identificare una mutazione del gene MTHFR attraverso test genetici, organizzazioni come l’American Heart Association sconsigliano lo screening per le varianti del gene MTHFR comuni per quanto riguarda il rischio cardiovascolare. Questo perché le mutazioni geniche comuni da sole senza altri sintomi non sono considerate importanti fattori di rischio per le malattie cardiache e i risultati dei test hanno scarso impatto sulla gestione medica.

Opzioni di trattamento per problemi di salute correlati

L’acido folico può aiutare le persone con livelli elevati di omocisteina. Il trattamento medico non è sempre necessario per le varianti MTHFR. I cambiamenti nella dieta e nello stile di vita possono spesso aiutare a compensare eventuali carenze nutrizionali risultanti.

Tuttavia, le persone possono richiedere cure mediche se hanno livelli elevati di omocisteina. Un medico può suggerire che le persone con livelli elevati di omocisteina assumano i seguenti integratori:

  • Acido folico;
  • Vitamine B-6 e B-12;
  • Metionina;
  • 5-metiltetraidrofolato (5-MTHF)

È importante parlare con un medico prima di iniziare uno qualsiasi di questi integratori. Esistono diverse cause di elevata omocisteina e il trattamento può differire per ciascuna causa.

Effetti sulla gravidanza

Le donne che risultano positive al test per una mutazione MTHFR possono avere un aumentato rischio di preeclampsia, coaguli di sangue, aborti ricorrenti o dare alla luce un bambino con disabilità congenite. Sono stati condotti diversi studi per determinare la relazione tra la mutazione e le complicanze della gravidanza, ma i dati sono ancora insufficienti nelle loro conclusioni.

La ricerca attuale non ha dimostrato che il tentativo di intervenire sulla mutazione MTHFR cambierebbe l’esito della gravidanza. Pertanto, le attuali linee guida da più fonti affermano di non eseguire lo screening di routine per la mutazione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *