Nel post di oggi ho deciso di trattare l’argomento della purificazione dell’aria.

Da qualche anno a questa parte la maggior parte delle persone prestano molta attenzione alla qualità dell’aria che respira. Fattori ambientali come inquinamento e smog rende l’aria poco salubre per la nostra salute.

Anche all’interno degli ambienti in cui lavoriamo e viviamo l’aria risulta spesso di scarsa qualità. I fattori che rendono l’aria che respiriamo quasi un nemico piuttosto che un alleato sono vari, ad esempio stanze surriscaldate o eccessivamente piene di mobili, tappeti, tende, oggetti elettronici con campi elettromagnetici elevati.

Gli effetti negativi dell’aria inquinata all’interno dei nostri ambienti sono davvero tanti, ad esempio:

  • allergie;
  • asma;
  • frequenti raffreddori;
  • tosse;
  • secchezza della gola e delle narici;
  • prurito fastidioso della pelle;

questi sono solo alcuni sintomi e problemi di salute che possono sorgere in concomitanza dell’aria non purificata.

 

Perché purificare l’aria

I nemici da sconfiggere? Come ho già accennato alcune righe sopra all’interno di un ambiente domestico possono esserci vari oggetti e fattori che rendono l’aria malsana e non dimentichiamo che l’aria inquinata è anche un veicolatrice di polveri sottili, particelle allergeniche, batteri e virus.

Sapevi che un essere umano ha un fabbisogno giornaliero di 10.000 litri di aria? Per rendere l’idea immagina 70 vasche da bagno riempile ipoteticamente di aria e ora sai più o meno di cosa stiamo parlando.

Ora però immagina di trovarti in un ambiente chiuso e di respirare profondamente l’aria….Sicuro che si tratti SOLO di aria? Cosa potrebbe nascondersi insidiosamente nell’aria che respiri? Tante cose, ad esempio:

  • particelle di polvere invisibili agli occhi umani
  • sostanze inquinanti inodori e non visibili
  • batteri
  • virus

In sostanza passiamo l’80% del nostro tempo in ambienti in cui l’aria è spesso mal sana.

In questo particolare periodo storico l’attenzione il problema della qualità dell’aria

L’aria negli ambienti chiusi sta riscuotendo una maggiore attenzione dal momento che viviamo nel periodo storico del Covid-19.

Ci è stato più volte spiegato che, la trasmissione del virus, avviene attraverso le goccioline di saliva che possono rimanere in circolo nell’aria, specie negli ambienti chiusi,  per molto tempo.

Ovviamente la lotta al Coronavirus non dipende esclusivamente dall’aria pura, ma soprattutto dalle norme igieniche, dal distanziamento sociale, dalla sanificazione dei locali.

È comunque importante respirare aria pulita per molti altri motivi connessi ad altre patologie a cui siamo soggetti, assolutamente da non trascurare.

In questa ottica un purificatore d’aria ha un ruolo cruciale perché attraverso l’utilizzo di filtri aiuta a mantenere un’aria salubre e pulita.

La qualità della nostra aria all’interno può essere migliorata attraverso ad esempio l’uso di filtri HEPA (acronimo di Filtro particolato ad Alta efficienza), costituito da sottili fogli filtranti che trattengono spore e muffe neutralizzando la loro carica batterica.

 

Metodi e strumenti per purificare l’’aria

Respirare un’aria fresca e depurata è molto importante per il nostro benessere psicofisico. Quindi la domanda è: come è possibile purificare l’aria? Quali soluzioni esistono in commercio per risolvere il problema?

Ora cercherò di fornirti alcune idee e soluzioni pratiche per la purificazione dell’aria nella tua casa.

 

Purificatori d’aria: cosa sono e come funzionano

I purificatori di aria per la casa o per l’ufficio sono elettrodomestici elettrici progettati proprio per migliorare l’aria nell’ambiente in cui viene collocato.

Questi apparecchi variano per dimensione e tipologia ma in tutti i casi si possono facilmente trasportare e spostare grazie alle ruote di cui sono dotati.

 

Come funzionano?

L’aria viene assorbita dal purificatore e grazie alla presenza di filtri tutte le sostanze inquinanti che abbiamo menzionato in questo articolo vengono intrappolate.

Grazie alla presenza dei filtri l’aria viene filtrata e purificata per poi essere reimmessa nell’ambiente.

In commercio esistono diversi tipi di elettrodomestici per migliorare l’aria, magari in un prossimo articolo tratteremo l’argomento dei migliori purificatori d’aria (link se fai l’articolo)

 

Ionizzatore d’aria, il ruolo degli ioni

Uno strumento particolarmente efficiente per la depurazione dell’aria all’interno degli ambienti è lo ionizzatore, un’apparecchiatura che rilascia nell’aria degli ioni che legano con le particelle inquinanti presenti.

Gli ioni prodotti, in genere negativi elettrizzano le molecole d’aria circostanti, in questo modo le particelle inquinanti cadono dall’aria sulle superfici della stanza, che rimuovono le sostanze dannose, evitandoci di respirarle.

E Tu? Sei attento alle problematiche dell’aria che respiriamo?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *