L’osteoporosi è stata riconosciuta come una delle principali malattie che colpiscono gli individui a livello globale, comprese le donne incinte e quelle che allattano. Un’enorme quantità di calcio e altri minerali sono necessari per il nutrimento durante la gravidanza e l’allattamento. Durante queste fasi critiche, l’omeostasi tra osteoblasti e osteoclasti viene perturbata. A causa di una diminuzione della densità di massa ossea (BMD), è necessario un livello sierico più elevato di calcio e minerali. In conseguenza a questa diminuzione della massa ossea, queste donne hanno maggiori possibilità di contrarre l’osteoporosi gravidica e di conseguenza qualsiasi frattura in gravidanza correlata all’osteoporosi.

Gravidanza e salute delle ossa

Durante la gravidanza, il bambino che cresce nel grembo materno ha bisogno di molto calcio per sviluppare il suo scheletro. Questa esigenza è particolarmente acuita durante gli ultimi 3 mesi di gravidanza. Se la madre non riceve abbastanza calcio, il suo bambino trarrà ciò di cui ha bisogno dalle ossa della madre. Fortunatamente, la gravidanza sembra aiutare a proteggere la maggior parte delle riserve di calcio delle donne in diversi modi:

  • Le donne incinte assorbono il calcio dagli alimenti e dagli integratori meglio delle donne che non sono gravide. Ciò è particolarmente vero durante l’ultima metà della gravidanza, quando il bambino cresce rapidamente e ha il maggior bisogno di calcio;
  • Durante la gravidanza, le donne producono più estrogeni, un ormone che protegge le ossa;
  • Qualsiasi massa ossea persa durante la gravidanza viene in genere ripristinata entro diversi mesi dalla nascita del bambino (o diversi mesi dopo l’interruzione dell’allattamento al seno).

Alcuni studi suggeriscono che la gravidanza può essere positiva per la salute delle ossa in generale. Alcune prove suggeriscono che più volte una donna è rimasta incinta (per almeno 28 settimane), maggiore è la sua densità ossea e minore è il rischio di frattura.

In alcuni casi, le donne sviluppano l’osteoporosi durante la gravidanza o l’allattamento, sebbene questo sia raro. L’osteoporosi è una perdita ossea abbastanza grave da provocare fragilità ossea e aumento del rischio di fratture. In molti casi, le donne che sviluppano l’osteoporosi durante la gravidanza o l’allattamento recupereranno l’osso perso dopo il parto o dopo aver smesso di allattare, ed è per questo che viene definita osteoporosi transitoria in gravidanza. È meno chiaro se le madri adolescenti possono recuperare l’osso perso e continuare a ottimizzare la loro massa ossea.

Osteoporosi giovanile e gravidanza.  Le madri adolescenti possono essere particolarmente ad alto rischio di perdita ossea durante la gravidanza e di osteoporosi più avanti nella vita. A differenza delle donne adulte, le madri adolescenti stanno ancora costruendo gran parte della propria massa ossea totale. Il bisogno del nascituro di sviluppare il suo scheletro può competere con il bisogno di calcio della giovane madre per costruire le proprie ossa, compromettendo la sua capacità di raggiungere una massa ossea ottimale che la aiuterà a proteggerla dall’osteoporosi più avanti nella vita. Per ridurre al minimo la perdita di massa ossea, le adolescenti incinte dovrebbero prestare particolare attenzione ad assumere abbastanza calcio durante la gravidanza e l’allattamento.

Allattamento al seno e prevenzione dell’osteoporosi gravidica

L’allattamento al seno colpisce anche le ossa di una madre. Gli studi hanno dimostrato che le donne spesso perdono dal 3 al 5% della loro massa ossea durante l’allattamento, sebbene la recuperino rapidamente dopo lo svezzamento, è una condizione tipica da osteoporosi dopo gravidanza e allattamento. Questa perdita ossea può essere causata dall’aumentato fabbisogno di calcio del bambino in crescita, che viene prelevato dalle ossa della madre. La quantità di calcio di cui la madre ha bisogno dipende dalla quantità di latte materno prodotto e dalla durata dell’allattamento al seno. Le donne possono perdere massa ossea anche durante l’allattamento perché producono meno estrogeni, l’ormone che protegge le ossa. La buona notizia è che, come l’osso perso durante la gravidanza, l’osso perso durante l’allattamento viene solitamente recuperato entro pochi mesi dalla fine dell’allattamento al seno.

Suggerimenti per mantenere le ossa sane durante la gravidanza, l’allattamento e oltre

Prendersi cura delle proprie ossa è importante per tutta la vita, anche prima, durante e dopo la gravidanza e l’allattamento. Una dieta equilibrata con calcio adeguato, esercizio fisico regolare e uno stile di vita sano fanno bene alle madri e ai loro bambini.

Il ruolo chiave nella prevenzione di osteopenia e gravidanza è svolto dal calcio. Sebbene questo minerale sia importante per tutta la vita, la richiesta di calcio del corpo delle donne è maggiore durante la gravidanza e l’allattamento. Gli studi scientifici raccomandano che le donne in gravidanza o che allattano consumino 1.000 mg (milligrammi) di calcio ogni giorno. Per le adolescenti in gravidanza, l’assunzione raccomandata è ancora più alta: 1.300 mg di calcio al giorno.

Buone fonti di calcio includono:

  • Prodotti lattiero-caseari a basso contenuto di grassi, come latte, yogurt, formaggio e gelato;
  • Verdure a foglia verde scuro, come broccoli, cavolo riccio e cavolo cinese.
  • Frutta secca, mandorle e mais;
  • Alimenti arricchiti con calcio, come succo d’arancia, cereali e pane.

Inoltre, il medico probabilmente prescriverà un integratore vitaminico e minerale da assumere durante la gravidanza e l’allattamento per assicurarsi di averne abbastanza di questo importante minerale.

Altro ruolo chiave utile per scongiurare il temibile binomio frattura vertebrale e gravidanza e anche il possibile cedimento vertebrale post parto è l’esercizio fisico.  Come i muscoli, anche le ossa rispondono all’esercizio diventando più forti. L’esercizio fisico regolare, in particolare le attività di carico e resistenza, sono importanti. Esempi di esercizio sotto carico includono camminare, salire le scale e ballare. Esercizi di resistenza – come il sollevamento pesi – possono rendere le ossa più forti. Fare esercizio durante la gravidanza può giovare alla salute anche in altri modi:

  • Aiuta a ridurre il mal di schiena, la stitichezza, il gonfiore e il gonfiore;
  • Aiuta a prevenire o curare il diabete gestazionale (un tipo di diabete che inizia durante la gravidanza);
  • Aumenta l’energia;
  • Migliora l’umore;
  • Migliora la postura;
  • Promuove il tono muscolare, la forza e la resistenza;
  • Aiuta a dormire meglio;
  • Aiutarti a tornare in forma dopo la nascita del bambino.

Sembrerà scontato, ma non lo è a sufficienza. Anche il mantenimento di uno stile di vita sano è fondamentale per scongiurare la possibilità di contrarre l’osteoporosi gravidica.  Il fumo fa male al tuo bambino, alle tue ossa e al tuo cuore e ai tuoi polmoni. Il fumo così come l’alcol fa male alle donne incinte e che allattano e ai loro bambini, e l’eccesso di alcol fa male alle ossa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *